Novità al vertice di Knauf Insulation Italia

News pubblicata il 23.11.2017 on Corporate

Novembre 2017 - Importanti novità coinvolgono il vertice di Knauf Insulation S.p.A., società del gruppo Knauf, protagonista di primissimo piano nel settore dell’isolamento e dei materiali per l’edilizia a livello mondiale.

Dal corrente mese di novembre, è stato chiamato a ricoprire la carica di Managing Director di Knauf Insulation S.p.A., il Dott. Paolo Curati, 38 anni, laureato in Economia Aziendale alla Bocconi di Milano, con MBA conseguito nello stesso ateneo nel 2007. Professionista capace e dinamico, vanta già una rilevante esperienza lavorativa in importanti gruppi aziendali italiani nel settore dei materiali costruttivi come Cementir Italia - in cui ha ricoperto per 5 anni la carica di Direttore Commerciale e prima ancora di Direttore Vendite, che in aziende di primaria importanza afferenti ad altri settori produttivi, come IVM Group e Pirelli Real Estate.

Grazie all’approfondita esperienza maturata nell’ambito della progettualità e nell’implementazione di progetti strategici di sviluppo commerciale e finanziario, oltre che una solida conoscenza del marketing e dei processi tecnologici che sottendono l’innovazione produttiva, Paolo Curati porta in Knauf Insulation una visione aperta e poliedrica, orientata all’innovazione, che sposa in pieno la filosofia e la missione del gruppo Knauf  Insulation.

“Assumo con grande entusiasmo questo incarico all’interno di un’azienda prestigiosa come Knauf Insulation,” - dichiara il Dott. Curati - “una realtà caratterizzata da una crescita e un piano di sviluppo importanti, i cui prodotti sono portatori di grandissime potenzialità sul proprio mercato di riferimento”.

Dott. Paolo Curati, Managing Director of Knauf Insulation S.p.A.Quali sono i Suoi obiettivi di sviluppo strategico, chiediamo al Dott. Curati, nel breve e medio periodo?

“Le mie priorità” afferma il Dott. Curati “saranno, in prima istanza, concentrate su tre ambiti: innanzitutto punteremo a un rafforzamento del brand, affinché sia sviluppato in tutta la sua potenzialità il riconoscimento dell’altissima qualità dei nostri prodotti e della loro sostenibilità. Parimenti punteremo sulla fidelizzazione e sul consolidamento della partnership con i nostri clienti, per avvicinarsi e approcciare il mercato in maniera sinergica e complementare. Infine ritengo fondamentale instaurare un processo di rafforzamento relazionale con la rete vendita, elemento a mio avviso cruciale per conseguire risultati efficaci e duraturi.”

Knauf Insulation è impegnata da anni nello sviluppo di prodotti e soluzioni che permettono di realizzare un ambiente edilizio sostenibile ed energeticamente efficiente, con impatti minimi sull'ambiente. Quali leve sono, a suo avviso, fondamentali per implementare questa strategia nel prossimo futuro?

Il nostro approccio” risponde Paolo Curati “sarà duplice e complementare: è fondamentale focalizzare l’attenzione del mercato italiano sui temi della sostenibilità e dell’efficienza energetica, in maniera molto più decisa e impattante di quanto sia già stato fatto in passato. Occorre quindi attivare politiche ed azioni di sensibilizzazione degli addetti ai lavori - prescrittori, direttori dei lavori ed applicatori – verso la qualità dei prodotti e delle soluzioni, educare alla ricerca dell’eccellenza e della sostenibilità delle soluzioni adottate. In questo Knauf Insulation ha certamente molto da dire al mercato. Allo stesso modo si dovrà condurre una specifica attività di informazione e coinvolgimento rivolta alla clientela finale, portando alla loro attenzione le peculiarità dei nostri prodotti, rispetto a ciò che offre il mercato.”

Il mercato delle costruzioni in Italia sta manifestando segnali di ripresa soprattutto grazie al settore delle ristrutturazioni. A suo avviso quali scenari sono futuribili per l'edilizia italiana e quali interventi potrebbero favorire l'economia del settore?

“Fortunatamente negli ultimi anni il settore delle ristrutturazioni ha trainato il processo di ripresa del mercato edile, mentre è di lieve entità il segno positivo nell’ambito dell’edilizia di nuova realizzazione, ben lontana dalle cifre dei passati decenni. Il mio auspicio è che, in questo scenario, l’attenzione e la ricerca della qualità diventino fattori prioritari, determinanti e irrinunciabili per l’edilizia di domani; valori veicolati mediante un profondo cambiamento nella cultura costruttiva che, mi auguro, possa trovare il sostegno della politica italiana con interventi strutturali lungimiranti, che portino il nostro Paese verso gli standard costruttivi dei più evoluti mercati Europei. In ottica concreta, sarebbe augurabile che il mercato cogliesse già da oggi l’opportunità offerta dagli incentivi finanziari messi in campo dal Governo negli ultimi anni, per investire in progetti di ristrutturazione che mettono la qualità del costruito al primo posto: poiché sistemi costruttivi efficaci ed energeticamente efficienti contribuiscono a valorizzare l’investimento nel tempo, recuperando le spese sostenute attraverso i sensibili risparmi sulle bollette energetiche, oltre all’indubbio vantaggio di usufruire di ambienti abitativi confortevoli e salubri” conclude il Dott. Curati.